Discussion:
[cluster linux] situazione?
(too old to reply)
Tato Galluzzo
2003-08-06 23:15:15 UTC
Permalink
ciao, sono sempre io, quello che pochi conoscono e ancor meno hanno mai
visto :-)

ravanando ravanando sul mio pc ho visto che verso aprile avevate iniziato un
thread su cluster-linux. a che punto è?
io è molto che ci stavo pensando ed all'uopo, nel tempo ho
acquistato/ritirato cadaveri informatici. ora che sotto la mia scrivania non
ci stanno più ho deciso di iniziare a fare qualcosa ed ho iniziato a
documentarmi, ed è per questo che ho trovato il vecchio post di amentasti.

lo ammetto seguo assiduamente la lista solo da un paio di mesi, anche se
iscritto ormai da un anno ma non sono attivo

sappiatemi dire, se vorrete ;-))

bye
T
Alessandro Mentasti
2003-08-06 23:41:59 UTC
Permalink
Post by Tato Galluzzo
ciao, sono sempre io, quello che pochi conoscono e ancor meno hanno mai
visto :-)
ravanando ravanando sul mio pc ho visto che verso aprile avevate iniziato
un thread su cluster-linux. a che punto è?
io è molto che ci stavo pensando ed all'uopo, nel tempo ho
acquistato/ritirato cadaveri informatici. ora che sotto la mia scrivania
non ci stanno più ho deciso di iniziare a fare qualcosa ed ho iniziato a
documentarmi, ed è per questo che ho trovato il vecchio post di amentasti.
lo ammetto seguo assiduamente la lista solo da un paio di mesi, anche se
iscritto ormai da un anno ma non sono attivo
sappiatemi dire, se vorrete ;-))
bye
T
l'avevo realizzato con openmosix a casa ma sostanzialmente non ci sono
vantaggi nell'uso "normale" del pc per cui dopo un periodo di collaudo e
studio l'ho abbandonato...
g***@tiscali.it
2003-08-07 00:05:52 UTC
Permalink
-- Messaggio Originale --
Subject: Re: [gl-como] [cluster linux] situazione?
Date: Wed, 6 Aug 2003 18:39:13 +0200
ciao, sono sempre io, quello che pochi conoscono e ancor meno hanno mai
visto :-)
ravanando ravanando sul mio pc ho visto che verso aprile avevate iniziato
un thread su clust
r-linux. a che punto è?
io è molto che ci stavo pensando ed all'uopo, nel tempo ho
acquistato/ritirato cadaveri informatici. ora che sotto la mia scrivania
non ci stanno più ho deciso di iniziare a fare qualcosa ed ho iniziato
a
documentarm
, ed è per questo che ho trovato il vecchio post di amentasti.
lo ammetto seguo assiduamente la lista solo da un paio di mesi, anche
se
iscritto ormai da un anno ma non sono attivo
sappiatemi dire, se vorrete ;-))
bye
T
l'ave
o realizzato con openmosix a casa ma sostanzialmente non ci sono
vantaggi nell'uso "normale" del pc per cui dopo un periodo di collaudo e

studio l'ho abbandonato...


Io non l'ho ancora provato , se vuoi provare io sono interessato , comunque
credo (ribadisco credo) che effettivamente come dice Ale su programmi "normali"
sia abbastanza inutile, dovrebbe essere sfruttato e dare il meglio di sè
con programmi con molti thread ... o no? Ciao Gecus

__________________________________________________________________
Partecipa al concorso Tiscali "collegati e vinci",
il primo premio e' un viaggio per 2 persone a Zanzibar!
http://point.tiscali.it/numerounico/
Tato Galluzzo
2003-08-07 01:39:07 UTC
Permalink
più che applicazioni con molti thread viene sfruttato da applicazioni
programmate con le librerie MPI (se non ricordo male l'acronimo)

in rete ho trovato 2 progetti supergettonati
openmosix
bewolf


se non ho capito male, la differenza tra i due è il modo di utilizzare le
risorse: uno distribuisce il carico, l'altro sposta l'elaborazione da una
cpu all'altra

menta, quanti pc hai usato? credo che i vantaggi li si apprezzi su un vero
cluster, almeno 6-7 macchine

saluti
T

----- Original Message -----
From: <***@tiscali.it>
To: "Gruppo Linux Como" <gl-***@lists.linux.it>
Sent: Wednesday, August 06, 2003 6:50 PM
Subject: Re: [gl-como] [cluster linux] situazione?


Io non l'ho ancora provato , se vuoi provare io sono interessato , comunque
credo (ribadisco credo) che effettivamente come dice Ale su programmi
"normali"
sia abbastanza inutile, dovrebbe essere sfruttato e dare il meglio di sè
con programmi con molti thread ... o no? Ciao Gecus
Alessandro Mentasti
2003-08-07 16:12:29 UTC
Permalink
Post by Tato Galluzzo
più che applicazioni con molti thread viene sfruttato da applicazioni
programmate con le librerie MPI (se non ricordo male l'acronimo)
in rete ho trovato 2 progetti supergettonati
openmosix
bewolf
se non ho capito male, la differenza tra i due è il modo di utilizzare le
risorse: uno distribuisce il carico, l'altro sposta l'elaborazione da una
cpu all'altra
menta, quanti pc hai usato? credo che i vantaggi li si apprezzi su un vero
cluster, almeno 6-7 macchine
su 3 macchine, ma openmosix migra solo i processi in usermode, che vanno a
finire per primi sulla macchina più potente se il carico non è
equilibrato..., per veder migrare bene le cose ho dovuto usare test adhoc,
perché non sono riuscito a riempire una macchina tanto da cominciare la
migrazione con normali programmi..
Pietro Bertera
2003-08-11 06:35:22 UTC
Permalink
Post by Tato Galluzzo
ciao, sono sempre io, quello che pochi conoscono e ancor meno hanno mai
visto :-)
ravanando ravanando sul mio pc ho visto che verso aprile avevate iniziato un
thread su cluster-linux. a che punto è?
io è molto che ci stavo pensando ed all'uopo, nel tempo ho
acquistato/ritirato cadaveri informatici. ora che sotto la mia scrivania non
ci stanno più ho deciso di iniziare a fare qualcosa ed ho iniziato a
documentarmi, ed è per questo che ho trovato il vecchio post di amentasti.
lo ammetto seguo assiduamente la lista solo da un paio di mesi, anche se
iscritto ormai da un anno ma non sono attivo
sappiatemi dire, se vorrete ;-))
<premessa>
arrivo da una settimana devastante per subito tornarci.
</premessa>

Per ora ho realizzato un cluster Mosix utilizzando OpenMosix.

I cluster di tipo mosix hanno un'architettura che permette
di distribuire il carico con la granularità massima di un
singolo processo.

Problema: contare da 0 a 10.

Approccio Mosix:
Se io ho un programma che conta da 0 a 10 tutto in un
processo un cluster mosix è inutile perchè il conteggio
avviene su un solo processo e 1 processo coincide con un
nodo, quindi lavora solo una macchina.

Se il mio programma conta da 0 a 5 in un processo e da 0 a 5
in un altro processo e poi somma i 2 risultati un cluster
mosix a 2 nodi potrebbe essere utile per ridurre il tempo di
calcolo: in processo viene eseguito su una macchina e
un'altro sull'altra.

In questo caso il Clustering sta nel kernel dei nodi.

Approccio Beowulf:
scrivo il programma che esegue il contenggio appoggiandomi a
delle librerie (tipo MPI) che istruiscono ogni nodo a
compiere un' operazione. In questo caso il "clustering sta
nel sorgente del programma"

Cluster Beowulf impilicano di riscrivere il codice in modo
parallelo utilizzando delle librerie.

Mosix mantiene il codice originario ma pretende che il
problema venga spezzato piccoli problemi risolti da processi.

ciao
Pirla
2003-09-04 16:02:00 UTC
Permalink
Rispondo, anche se in ritardo, perché è un argomento che mi interessa
molto.

La spiegazione ce hai dato, anche se sintetica, rende pienamente l'idea
di quello che è il concetto di cluster (traduzione grappolo) di computer
dedicati tutti alla risoluzione di un medesimo problema.
Infatti in entrambi i casi (Mosix e beowolf) lo scopo è quello di
risolvere nel più breve tempo possibile un problema utilizzando la
potenza di calcolo in qualche modo cumulata di tutti i nodi che
compongono il cluster.

Esiste però un altro concetto di cluster (quello che per esempio è
utilizzato da Microsoft e che esiste anche negli ambienti *nix)
finalizzato all'alta disponibilità delle applicazioni.

In questo tipo di cluster (tipicamente a due nodi) vengono installate le
applicazioni su entrambi i nodi e configurate allo stesso modo.
Poi a livello di cluster viene definito il nodo che ha in carico
quell'applicazione.
Vengono implementati dei controlli che servono a far capire ad un nodo
se l'altro nodo funziona correttamente.
Nel momento in cui si verifica un fault di qualsiasi tipo, il nodo che
funziona prende in carico le risorse che aveva l'altro nodo e rende
nuovamente disponibile l'applicazione fino a quando il nodo 'guasto' non
riprende a funzionare.
Questo tipo di cluster per esempio viene fornito con Red Hat Enterprise.

In alcune riviste recentemente apparse in Edicola (non ricordo quali
perché sono in fase di trasloco ed ho già messo negli scatoloni i vecchi
numeri) sono stati presi in considerazione i cluster paralleli (Mosix -
Beowolf ed altri) mentre in Red Hat Magazine c'era un articolo
abbastanza completo sul cluster di applicazioni fornito con Red Hat
Enterprise.

Se l'argomento interessa si può provare a parlarne e trovare altra
documentazione per approfondire l'argomento.
Io ho avuto una notevole esperienza con i cluster Microsoft e
probabilmente a breve vedrò anche delle soluzioni cluster su SUN e
HP-UX.

Ciao a tutti
The.Pirla
Tato Galluzzo
2003-09-04 16:09:05 UTC
Permalink
praticamente hai il sistema ridondante, giusto?

in questo modo però non usi una potenza di calcolo doppia <=> tempo di
risposta dimezzato, ma hai una potenza di calcolo singola <=> tempo di
risposta singolo

in questo modo punti sull'affidabilità e non sulla velocità

giusto?

ciao
T

----- Original Message -----
From: "Pirla" <***@flashnet.it>
To: "Gruppo Linux Como" <gl-***@lists.linux.it>
Sent: Thursday, September 04, 2003 11:01 AM
Subject: Re: [gl-como] [cluster linux] situazione?

In questo tipo di cluster (tipicamente a due nodi) vengono installate le
applicazioni su entrambi i nodi e configurate allo stesso modo.
Poi a livello di cluster viene definito il nodo che ha in carico
quell'applicazione.
Pirla
2003-09-04 16:38:51 UTC
Permalink
Post by Tato Galluzzo
praticamente hai il sistema ridondante, giusto?
in questo modo però non usi una potenza di calcolo doppia <=> tempo di
risposta dimezzato, ma hai una potenza di calcolo singola <=> tempo di
risposta singolo
in questo modo punti sull'affidabilità e non sulla velocità
giusto?
ciao
Considerando la singola applicazione (a meno che essa non sia scritta
per supportare un load balancing sul cluster) è giusta la seconda
affermazione.
Un server non fa niente e l'altro lavora a pieno carico.

In questo caso si parla di cluster Active-Passive.

Esistono però installazioni cluster in cui vengono clusterizzate diverse
applicazioni, ed esse possono venir bilanciate empiricamente (a mano) in
modo da distribuire il carico sui nodi.

In questo caso si parla di cluster Active-Active.
Questa configurazione necessita però di molta attenzione in fase di
piaificazione, perché se tutte le applicazioni passassero su un singolo
nodo a causa di un crash il server potrebbe sdraiarsi.

Interessante?????

Ciao
The.Pirla

Continue reading on narkive:
Loading...